Giorno: 8 settembre 2018

8 Set 0

Starbucks apre la prima caffetteria in Italia

Starbucks ha aperto la sua prima filiale in Italia, nonostante la lunga resistenza degli italiani.

Situata nello storico edificio delle Poste in Piazza Cordusio a Milano, la filiale apre oggi e sarà la prima di una catena di coffee shop che si estende per il resto dell’anno nella capitale della moda.

Il coffee shop sarà uno dei tre Starbucks Roasteries in tutto il mondo, con gli altri due a Seattle e a Shanghai. I Roasteries sono molto più grandi dei soliti avamposti Starbucks.

Il Milan Roastery è stato creato per riflettere la ricca cultura della moda e del design della città, con torrefazione, bar, panificio e forno a legna.

Sarà inoltre caratterizzata da “un’esperienza interattiva di realtà aumentata (AR)”, progettata per “incoraggiare i clienti a utilizzare il loro dispositivo mobile per scoprire di più sui caffè Starbucks Reserve, sul processo di tostatura e sull’azienda”.

Mentre il giorno si trasforma in notte, i clienti potranno anche godere della tradizione italiana dell’aperitivo – cocktail e spuntini leggeri nelle prime ore serali.

Nonostante il fondatore di Starbucks, Howard Schultz, ispirato dalla cultura dell’espresso italiano per creare l’azienda 35 anni fa, gli italiani hanno sempre resistito al colosso mondiale del caffè, sostenendo che il suo caffè è troppo caro e di scarsa qualità.

La torrefazione creerà quasi 300 posti di lavoro in Italia, ma quando la notizia dell’apertura è arrivata all’inizio di quest’anno, molti italiani non erano entusiasti.

“Perché mai qualcuno vorrebbe un caffè strafatto di merda quando anche il peggiore caffè in Italia ha un caffè migliore di Starburnt”, ha scritto una persona su Twitter.

“Il loro cappuccino è di gran lunga inferiore alla versione italiana”, ha aggiunto un altro.

Ma forse il nuovo negozio cambierà le percezioni in Italia.

“Ci siamo presi il tempo necessario per assicurarci che il nostro ingresso in Italia sia fatto con rispetto e attenzione”, ha detto Kevin Johnson, amministratore delegato di Starbucks. Resta da vedere se questo sia sufficiente per conquistare gli italiani.

Read More